Mese: Settembre 2021

Bronte è comune “Plastic Free”, Iride partecipa alla raccolta sul territorio

La città del pistacchio punta a diventare anche un Comune a consumo di plastica limitato: Iride coinvolta nelle iniziative attraverso il volenteroso contributo dei nostri ragazzi.

Il sindaco, Pino Firrarello ha siglato lo scorso Luglio una convenzione con “Plastic free” con l’associazione che si batte per informare e sensibilizzare più persone possibili sull’impatto della plastica, in particolare quella monouso, sull’ecosistema. Adesso anche a Bronte “Plastic Free”, promuoverà e organizzerà iniziative volte a dare concreta attuazione alla lotta contro la plastica quali, ad esempio, l’organizzazione di giornate dedicate alla pulizia del territorio con l’aiuto di persone che volontariamente decideranno di parteciparvi, iscrivendosi all’associazione. L’appuntamento che ci vede coinvolti è per domenica, 26 Settembre, alle ore 9.00 presso l’Anfiteatro Sciarotta di Viale Regina Margherita.

“Tutte iniziative di grande valore perché volte a sensibilizzare la popolazione. – ha affermato il sindaco Pino Firrarello che ringrazia Giuseppe Germanà, referente di Bronte dell’associazione – “il suo impegno e la nostra collaborazione permetteranno a tutti di raggiungere la giusta consapevolezza sul fenomeno. La plastica, infatti, si è rivelata un’invenzione utile e deleteria allo stesso tempo. Ha rivoluzionato le nostre vite, ma ha anche creato un inquinamento difficilmente arrestabile. Dobbiamo quindi intervenire. Noi già facciamo il possibile affinché a Bronte la raccolta differenziata funzioni a dovere, adesso, – conclude – grazie a questo protocollo, garantiremo a questa associazione tutto il sostegno possibile”.

 

 

Menzione speciale del Premio OXFAN per il fotografo Vito Finocchiaro sui migranti di IRIDE

Grande riconoscimento per il progetto fotografico realizzato nel centro SAI di Mascali, in provincia di Catania, dal Fotografo siciliano Vito Finocchiaro denominato “Frank la rotta mediterranea” che si è aggiudicato il premio OXFAN ricevuto ieri, 23 Settembre, a Firenze. Menzione speciale per il progetto “Combattere la disuguaglianza si può fare”: Vito Finocchiaro, professionista freelance siciliano, con le sue potenti immagini in bianco e nero, getta uno sguardo sullo scorrere delle vite dei migranti nei luoghi dell’accoglienza, dopo il salvataggio in mare, lontani dalla propria terra. Immensa soddisfazione quella espressa dal professionista che ha personalmente ritirato il premio a Palazzo Vecchio dopo aver realizzato gli scatti nei luoghi gestiti dalla cooperativa IRIDE attraverso il progetto “Bronte” .Vito Finocchiaro è fotografo freelance e vincitore di Awards nazionali ed internazionali. La sua fotografia è una continua crescita, ricerca e confronto con fotografi del panorama nazionale ed internazionale. Un modo di raccontare, che lo porta a cercare i luoghi dove luce, ombre e colori diventano gli elementi di base per capire e descrivere un territorio.

Di seguito la motivazione per la Menzione Speciale affidata dalla prestigiosa Giuria fiorentina:

“Negli ultimi anni siamo stati sommersi da immagini tragiche o salvifiche di un esodo senza fine e senza speranza. Le immagini potenti in bianco e nero di Vito Finocchiaro vanno oltre e raccontano il dopo, quello che accade dopo la salvezza, la dimensione psicologica del ritrovare sé stessi e una vita lontani dalla propria terra.
Le mattonelle di una cucina, la carta da parati, la fodera di un divano s’intrecciano alle treccine di una parrucchiera improvvisata sul tavolo della cucina, prendono forma e sostanza al di là dei luoghi comuni, accompagnati dalla sicurezza delle persone che accompagnano il lento percorso dell’accoglienza e delle identità da riacciuffare.
Fino al sorriso liberatorio di un uomo, che riaccende la speranza dopo trenta fotogrammi. Nulla sarà come prima ma è iniziato il ritorno all’esistenza, forse più difficile da trovare e mostrare”.

Favole Disney per un mondo a immagine dei bambini, agli adulti la compilazione del Curriculum

Belpasso – L’attività ludico ricreativa “Favole Disney a confronto”, che si è svolta nel centro di accoglienza per famiglie di Belpasso,  ha avuto lo scopo di favorire, attraverso la lettura e  la visione della favola di “Peter Pan” la crescita emotiva, affettiva, sociale e linguistica dei nostri bambini. Come dichiara la coordinatrice del progetto SAI del comune alle pendici dell’Etna Ignazia Manera “Le favole possiedono un ricchissimo bagaglio educativo con il quale contribuiscono in maniera davvero significativa a  condurre il bambino verso la scoperta della propria identità e del mondo che lo circonda: il nostro centro è particolarmente attento a questi aspetti pedagogici avendo presenti in struttura bambini di varie nazionalità che, attraverso questo tipo di laboratori, imparano il linguaggio universale delle fiabe”. In struttura sono attualmente presenti tre nuclei familiari libici, egiziani e pakistani che vedono la presenza di cinque minori che, quotidianamente, vengono accompagnati in attività laboratoriali che affiancano quelle dedicate agli adulti.

I genitori hanno avuto modo di partecipare al laboratorio di economia domestica per comprendere facilmente l’utilizzo dei vari detersivi dedicati agli spazi comuni. Si tratta di piccoli laboratori che hanno l’obiettivo di trasmettere le basilari nozioni igieniche necessarie alla condivisione degli spazi. Il laboratorio si è dimostrato particolarmente efficace e costruttivo per i tre nuclei familiari presenti in struttura.

Inoltre si è resa necessaria l’attivazione di un percorso dedicato alla creazione del Curriculum Vitae dei beneficiari per far sì che, una volta giunti nel mondo del lavoro, gli adulti riescano a destreggiarsi presentando il proprio percorso di formazione ai datori di lavoro.

Buona Scuola a tutti i nostri ospiti!

Francofonte – Con questo bellissimo sorriso della piccola Ritej durante il primo giorno di asilo, e una carrellata degli scatti del primo giorno di scuola, la cooperativa IRIDE saluta il nuovo anno scolastico 2021-2022 e augura un buon inizio accademico a tutti i nostri beneficiari desiderosi di frequentare la scuola italiana !

Santa Maria di Licodia saluta la prima famiglia afghana accolta, grande sinergia con il territorio

Santa Maria di Licodia – Sono tante le attività che hanno visto coinvolti gli operatori e i beneficiari del centro di accoglienza SAI IRIDE di Santa Maria di Licodia, in provincia di Catania. Nella prima sezione fotografica presentiamo il progetto di prima alfabetizzazione svolto per incoraggiare lo studio della lingua italiana L2 fin dai primissimi giorni di scuola: il fine è quello di garantire una conoscenza base della lingua ai piccoli beneficiari che si apprestano a frequentare la scuola elementare italiana. Gli appuntamenti, svolti come attività propedeutica pomeridiana, hanno registrato grande interesse e partecipazione.

Progetto “Pronti a ripartire”: Si tratta di un’ Attività di volontariato portata avanti dai nostri beneficiari per rispondere alla richiesta dell’ente comunale. Il nostro SAI ha visto l’impegno dei ragazzi nell’attività di ripulitura e scerbamento dei piazzali antistanti la scuola comunale del paese. Ancora una volta la nostra comunità ospitante si dimostra attenta alla presenza dell’altro nel territorio, promuovendone la  partecipazione attiva alle attività locali. Un segnale di integrazione importante che giunge da piccolo paese dell’entroterra siciliano, modello di accoglienza locale.

“Pizza Party” per festeggiare la conclusione dell’estate con l’arrivo della prima famiglia Afghana accolta nella nostra struttura. Momenti di un percorso difficile quanto intenso che ha visto la presenza della comunità accogliente: amministrazione comunale, docenti e semplici cittadini che hanno regalato forti emozioni alla famiglia ospitata dalla nostra cooperativa.

Fico d’India di San Cono, formazione in azienda per i beneficiari

San Cono – Un corso di sicurezza sul lavoro, HACCP e lavorazione della pianta di Fico d’India è stato organizzato dal SAI di San Cono di Via Carlo del Prete e dal SAI di San Michele, di via Vittorio Veneto, all’interno di una delle numerose aziende agricole locali che producono derivati esportati in ogni parte del Mondo. Alla giornata di formazione hanno preso parte una decina di beneficiari che si sono mostrati interessati alle dinamiche aziendali. Si tratta di una pianta eccezionale che in tutte le sue parti, a eccezione delle radici, offre composti con proprietà nutrizionali e nutraceutiche importanti. Piantagione originaria del Messico, il 90% della produzione europea avviene proprio nella nostra isola: a San Cono sono presenti piantagioni e aziende che sono riuscite a generare un indotto importante nella provincia ctanese. Oltre al suo ruolo in campo alimentare, la specie è interessante anche da un punto di vista ecologico: in primo luogo contrasta i processi di desertificazione, infatti le pale contengono mucillagini che permettono alla pianta di inglobare l’acqua così da poter vivere anche in ambienti molto ostici. Questo è molto importante in quei Paesi in via di sviluppo che, in mancanza di foraggio  utilizzano la pianta come alimento principale edindispensabile, mentre i giovani cladodi vengono cucinati. Limita poi, anche l’erosione dei terreni, in quanto durante il periodo delle piogge la pianta sviluppa rapidamente nuove radici che sfruttando al massimo l’umidità presente contribuisce alla conservazione dell’acqua e del suolo evitando eventi franosi. Questa pianta è una continua scoperta, addirittura in Messico si è ricavato una plastica biodegradabile, commestibile con un tempo di degradazione molto basso che potrebbe essere impiegato per contrastare l’annoso problema dei rifiuti plastici. Dalla fibra insolubile delle pale si ricavano materiali brevettati per essere impiegati nella fabbricazione di mobili e di carta e, infine, dagli scarti della lavorazione si produce biogas. Una pianta che non finisce mai di stupirci per i suoi utilizzi e per le sue molteplici attività a cui si presta.

Fonte:Greenplanner

 

 

 

IRIDE è una cooperativa sociale che si propone l’obiettivo di “perseguire l’interesse generale della collettività alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini” attraverso la gestione ed erogazione di servizi.

Contatti

Sede Legale
Piazza Carlo Alberto n. 49
95048 – Scordia (CT)
Uffici
Viale Principe Umberto N.83/B
95041 – Caltagirone (CT)
Telefono
09331863004