A Caltagirone le donne di IRIDE danzano Butoh contro la violenza di genere

La Giornata internazionale per l’eliminazione delle violenza contro le donne ha visto la partecipazione attiva di alcune donne della nostra cooperativa attraverso una performance artistica nell’atrio del palazzo municipale di Caltagirone. La manifestazione è stata il culmine di numerose iniziative, frutto della collaborazione fra l’Amministrazione comunale – con la partecipazione dell’assessorato alla Legalità e Sicurezza retto dall’Ass. Giuseppe Fiorito e l’assessorato alle Pari opportunità, coordinato da Patrizia Alario), le diverse realtà associative e alcuni artisti.
Fra queste, ha incantato il pubblico presente in sala la performance di danza “butoh” e teatro a cura di Lara Pedilarco e Micol Liardo. Si tratta di  una “danza psicosomatica” che coinvolge corpo e mimica facciale: il viso si tende, digrigna i denti,  soffre mentre ogni muscolo del suo corpo si contrae in spasmi ritmici che compongono la danza di grandissima carica espressiva. Un laboratorio di teatro sociale con uno spazio d’incontro tra donne di diverse culture (colombiane, nigeriane, pakistane, srilankesi e venezuelane) presenti nel territorio di Caltagirone e le donne calatine, che hanno voluto rappresentare, attraverso questa danza drammatica, i diritti negati alle donne e il coraggio di reagire, nel segno di una matrice universale capace di unirle al di là di ogni distanza fisica e geografica. Nell’intera performance un filo rosso ha connesso le donne figlie di una matrice universale che sente, condivide e guarda alla donna e ai suoi diritti negati, sottolineando il coraggio di reagire contro la negazione di se stesse ritrovando il proprio potere personale e la regalità. Durante la performance è stato utilizzato un velo color indaco che ha rappresentato simbolicamente il burqa afghano e i diritti negati.
Durante l’evento, inoltre, sono state esposte (eccole nelle foto) una scarpetta scaldamano dell’800, rivisitata dal grezzo al decoro, a cura del ceramista Giorgio Alemanna, delle scarpette rosse e blu e una scultura, opera, quest’ultima, dell’artista Luana Reale.

L’intero spettacolo è stato mandato e riprodotto in streaming nelle scuole superiori della città.

Foto su gentile concessione di Andrea Annaloro

A Belpasso un laboratorio artistico ha coinvolto i più piccoli sul tema.

 

Il SAI di Francofonte ha detto no alla violenza attraverso una manifestazione interna che ha visto la partecipazione dei ragazzi alla realizzazione di cartelloni e palloncini rossi.

 

A Santa Maria di Licodia le tele realizzate dai beneficiari sono state esposte presso la biblioteca comunale.

 

Il SAI di Licodia Eubea ha visto la partecipazione degli ospiti ad un’attività interna volta alla realizzazione di cartelloni contro il fenomeno.

 

Condividi su:
No comments
Leave Your Comment

No comments
IRIDE è una cooperativa sociale che si propone l’obiettivo di “perseguire l’interesse generale della collettività alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini” attraverso la gestione ed erogazione di servizi.

Contatti

Sede Legale
Piazza Carlo Alberto n. 49
95048 – Scordia (CT)
Uffici
Viale Principe Umberto N.83/B
95041 – Caltagirone (CT)
Telefono
09331863004