Vent’anni di SAI. L’ Alfabetizzazione Migrante chiave per un’integrazione di successo

Un convegno sul ruolo chiave dell’alfabetizzazione migrante si è svolto ieri a Palazzo Modica di Scordia alla presenza di illustri relatori del settore in occasione delle celebrazioni del Ventennale dei SAI (Sistema di Accoglienza e Integrazione) in Italia. Moderatrice del convegno la coordinatrice di alfabetizzazione della cooperativa sociale IRIDE Micol Liardo che ha coinvolto gli oltre venti docenti di L2 (italiano lingua seconda) che operano nelle strutture di accoglienza della provincia di Catania.

Si è trattato di un momento di confronto sulla realtà migrante, le aspettative e le motivazioni che spingono i beneficiari allo studio della lingua italiana e le strategie adottate dai docenti per facilitare questo non facile percorso linguistico che è anche chiave di tutte le porte dell’accoglienza.

Come sottolineato dall’Avvocato Maria Pia Vitale, consulente legale di Iride, conoscere una lingua aumenta infatti la consapevolezza del migrante sui propri diritti e identità, supportandone la partecipazione alla vita sociale, culturale ed economica. Tra i relatori il professore di lingua italiana Ugo Coppari, Direttore del blog  “Pensierini” e fondatore di una Scuola di Italiano per Stranieri che ha insistito sull’importanza della scrittura per approfondire la conoscenza di una lingua e l’assistente sociale della Fondazione “Terre Des Hommes Italia” Veronica Massabò che ha parlato du “fragilizzazione” identitaria del migrante e la necessità di infondere sicurezza attraverso strumenti  linguistici, sociali e legali perchè “i limiti del mio linguaggio sono i limiti del mio mondo”.

Durante il convegno è stata proiettata la testimonianza di Jolayemi Kehinde, ex beneficiario di nazionalità nigeriana del SAI di Scordia e oggi studente presso l’Università degli Studi di Catania che ha raggiunto un livello linguistico eccellente, pari al C2 nella classificazione europea, coniugando lo studio delle lingue al lavoro sul territorio.

Dopo 4 anni di scrittura sul blog https://pensierini.blog/ Kehinde è riuscito a conoscere di persona il suo fondatore, prof. Coppari (in foto) e ringraziarlo personalmente per l’ideazione di un blog dove gli apprendenti stranieri della lingua italiana si ritrovano per scrivere brevi “pensierini” che, dopo una piccola correzione ortografica e grammaticale, vengono condivisi con tutta la community.

Ad avviare i lavori i saluti del primo cittadino  Francesco Barchitta e dell’assessore al welfare Egle Milga. La conclusione è stata affidata alla responsabile dell’alfabetizzazione della rete SAI Micol Liardo che ha sottolineato l’importanza delle scuole di italiano all’interno delle strutture SAI e del conseguimento delle certificazioni linguistiche quale riconoscimento dell’impegno dedicato allo studio della lingua e dunque del percorso di integrazione in Italia. Sulla necessità di fare rete ha insistito il responsabile di Integra Corner Caltagirone – Progetto Shubh Francesco D’Amico, presente e attivo a fianco di IRIDE con progetti rivolti ai titolari di protezione internazionale in uscita dal circuito di accoglienza per promuovere l’autonomia socio-economica dei rifugiati.

Il convegno è stato promosso dalle cooperative Iride e I Girasoli presiedute rispettivamente da Rocco Sciacca e Salvatore Cannata che hanno già calendarizzato nuovi eventi formativi.

Condividi su:
No comments
Leave Your Comment

No comments
IRIDE è una cooperativa sociale che si propone l’obiettivo di “perseguire l’interesse generale della collettività alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini” attraverso la gestione ed erogazione di servizi.

Contatti

Sede Legale
Piazza Carlo Alberto n. 49
95048 – Scordia (CT)
Uffici
Viale Principe Umberto N.83/B
95041 – Caltagirone (CT)
Telefono
09331863004